PalAlberti 2
intestazione_email

 

a cura di Enrica Iacono

 

Una partita determinata da tre fattori chiave quella che stasera l’Orange Moon Barcellona ha disputato al Palalberti contro Torino, grande colosso del campionato di Lega Due. Questi fattori sono essenzialmente il cuore, la passione ed il coraggio che, nonostante la sconfitta, hanno accompagnato i giallorossi in 55 minuti di partita. Una gara interminabile, tre tempi supplementari giocati con l’orgoglio di vestire i colori di Barcellona. Dopo un primo quarto terminato 25-28 per gli ospiti, dal secondo periodo Barcellona ha messo in campo una grande determinazione e, complici le triple a metà quarto dei giovani Marchetti, Spizzichini e Fiorito, è riuscita a rimontare sugli avversari chiudendo all’intervallo lungo 48-42. Terzo quarto concluso 62-57 per i padroni di casa che sono riusciti ad arrivare a 3 minuti dalla fine dell’ultimo tempo regolamentare a +10 su Torino ma, a causa di qualche momento di debolezza, il quarto e ultimo periodo ha determinato il pareggio delle due squadre con il punteggio di 76-76.
I tre tempi supplementari, giocati tutti punto a punto, sono stati risolti dalla maggiore freddezza e precisione di Torino ai tiri liberi che hanno segnato la fine della gara con il punteggio di 108-115.

Perdichizzi è apparso in conferenza stampa sicuramente deluso dal risultato ma soddisfatto dalla prestazione dei suoi, dichiarando che nella sua carriera non ha mai vissuto 55 minuti di entusiasmo e intensità come quelli visti questa sera, giocati fino allo spasimo per cercare di regalare una vittoria ai tifosi. “Forte il rammarico per gli ultimi due minuti e mezzo del quarto periodo – continua l’allenatore giallorosso – ma siamo stati penalizzati dal fatto di non avere la possibilità di far ruotare tanta gente in particolare nel reparto lunghi”. Perdichizzi ha continuato affermando che, secondo lui, i budget faraonici servono a poco e la dimostrazione questa sera è stata data dalla stessa Barcellona che ha messo in campo cuore e determinazione meritando sicuramente un risultato finale diverso da quello ottenuto. Un altro motivo di delusione è, secondo Perdichizzi, il fatto che ad accompagnare il cammino dei giallorossi non sono presenti molti tifosi tra le mura amiche dichiarando di aver creduto a una presenza più massiccia dei barcellonesi anche se probabilmente l’assenza dei tanti è dovuta al fatto che “la gente non ha più stimoli in questo campionato ‘carnevalesco’ in cui non ci sono retrocessioni”.

Mancinelli è invece apparso in sala stampa molto soddisfatto per la vittoria del suo Torino. L’ex Olimpia Milano ha dichiarato che quello della Lega Due “è un campionato molto difficile e la dimostrazione è stata data questa sera dai siciliani. Barcellona – ha continuato Mancinelli – non è nei piani alti della classifica ma sul campo si rischia facilmente di perdere perché ha grandi giocatori ed è una squadra ben allenata. È riuscita a resistere per tre tempi supplementari dove poi è uscita sconfitta ma in casa ha comunque una buona percentuale di vittorie”.

 
Enrica Iacono
www.barcellonabasket.net